RESI NOTI I NOMI DEGLI OSPITI DELLA FESTA DI SAN GIOVANNI BOSCO 2016

db16_Con la festa di Don Bosco finiscono le celebrazioni per i venticinque anni del S.I.N.G. Saranno tre i premiati nel corso della festa di San Giovanni: Max Laudadio, Oreste Castagna (Gipo) e Laura di Rai Yoyo, ai Sud Sound System e ad Ilaria Cucchi: tutti riceveranno il premio nazionale “Donato Carbone” vittima di mafia. Il Premio Nazionale “Donato Carbone” è nato nel 2002 ed è assegnato a tutte quelle associazioni, quei privati cittadini, quelle organizzazione che spendono la propria opera per l’educazione, l’animazione, la salvezza fisica e morale dei bambini, ragazzi e giovani. Donato Carbone era giovane oritano, lavorava presso un grossista di fiori e mentre si recava assieme al suo datore di lavoro al mercato settimanale, veniva speronato da un’auto di malviventi legati alla sacra corona unita che, senza esitazione, spararono alcuni colpi di pistola che colpirono il giovane. La memoria di Donato oggi, grazie al Premio Nazionale, è preservata e grida ancora giustizia! Max Laudadio è il più famoso inviato di striscia la notizia, passa tutta la sua gioventù dividendosi tra la grande passione per il calcio giocato e l’attività di intrattenimento nei villaggi turistici. Max ha sempre dichiarato: “Ho strappato il mio cartellino della FIGC quando ho capito che fare il calciatore non era il mio vero sogno. E così, sono partito per quattrocentomila lire al mese come animatore in un villaggio turistico. Volevo lavorare in Tv e credevo che quella fosse la mia prima gavetta”. Dopo sei anni di villaggio è arrivata l’occasione. Dal 2003 ad oggi è inviato di Striscia la Notizia. Nella stagione 2010-2011 del Tg satirico la sua attività d’inchiesta si sdoppia vestendo anche i panni del Cicalotto, espressione vivente del suo alter-ego animale. I Sud Sound System sono un sound system di musica raggamuffin, dancehall reggae originario del Salento, che combina ritmi giamaicani e sonorità locali, come l’uso del dialetto salentino e le ballate di pizzica e tarantella. Sono tra i pionieri del raggamuffin italiano e vengono considerati gli ambasciatori del Salento. Oreste Castagna è un attore, doppiatore e regista italiano. Dal 1990 al 2000 ha doppiato Dodò ne l’Albero Azzurro, trasmesso sulle reti Rai la mattina. Nello stesso, inizia l’attività di regista a Firenze con il gruppo “Teatro Aster”, dove sperimenta la sua esperienza televisiva nella trasmissione l’Albero Azzurro, con il ciclo di spettacoli Cartastorie. Dal 2002 è Gipo Scribantino, un nuovo personaggio del programma per bambini di Raitre La Melevisione. In seguito interpreta lo stesso personaggio nelle trasmissioni Il videogiornale del Fantabosco e Le storie di Gipo in onda tuttora su Rai YoYo. Nel 2014 torna nel cast de L’albero azzurro. È docente di teatro e formatore nei corsi per attore della Regione Lombardia e nelle aziende, dove è specializzato nei temi sulla Comunicazione. Laura Carusino è la co-conduttrice dell’albero azzurro, si diploma alla scuola di teatro Arsenale di Milano diretta da Marina Spreafico, studiando voce, dizione, canto con Annig Raimondi. Nel 2005 si laurea all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia, Facoltà di Lettere e Filosofia, corso di laurea DAMS, indirizzo teatro e drammaturgia conseguendo 110 e lode. “Ogni anno – è il commento di Federica Caniglia, Presidente dell’oratorio – una storia caratterizza la festa, quest’anno parleremo di Stefano Cucchi, il giovane morto subito dopo il fermo da parte dei carabinieri, a parlarci di Stefano sarà la sorella Ilaria alla quale, sin da ora, va il nostro ringraziamento”. Grazie all’attivismo della sorella Ilaria, il caso di Stefano è diventato famoso e ha avuto un notevole impatto sull’opinione pubblica italiana, facendo tra l’altro emergere altri casi analoghi di persone morte in carcere senza che la causa del decesso sia stata ancora accertata (26 casi nel solo 2009), ad Ilaria ed alla memoria di Stefano sarà assegnato il Premio Nazionale “Donato Carbone”. La cerimonia di assegnazione del premio sarà condotta dal caporedattore della Gazzetta del Mezzogiorno, Vincenzo Sparviero. “La disponibilità dei nostri ospiti – conclude il Presidente – ci riempie di grande gioia. Per noi è stato un anno di grazia, un anno speciale, il venticinquesimo dalla fondazione del SING, siamo felici di terminarlo alla”. In passato il premio è stato assegnato, tra gli altri, a Roberto Vecchioni, Don Oreste Benzi, Don Valerio Bocci, Don Antonio Mazzi, Don Fortunato Di Noto, Don Luigi Merola, Maria Falcone, Don Giovanni D’Ercole, Paolo Brosio, Mingo di Striscia la notizia, al Prof. Antonio Guidi, già ministro della Repubblica Italiana, Antonio Stornaiolo, Franco Simone, Rosario Carello e, lo scorso anno, ad Alessandro Meluzzi, Salvatore Borsellino e Nina Palmieri delle Iene. La festa di San Giovanni Bosco sarà aperta, come consuetudine, dallo storico inno al Santo torinese “Giù dai colli”, ad opera del coro polifonico “Andrea Dellomonaco” diretto dal m° Giuseppe Massa. A Bruce Ketta, storico volto pugliese di Zelig, il premio “Arte,Sport&Territorio…eccellenze pugliesi”, in passato assegnato a Pino Campagna, Ciciri e Tria, Rimbamband, Marco e Chicco da Zelig, nei prossimi giorni saranno resi noti i nomi degli altri ospiti a cui sarà assegnato il medesimo premio ed i nomi degli educatori assegnatari del premio all’educatore “Melania Russo”. La festa di Don Bosco si terrà ad Oria (Br) il prossimo 31 gennaio alle ore 18.30 presso il Teatro di San Pasquale, media partner Idea Radio.