Premio Nazionale “Donato Carbone”Ideato nel 2002 dall’associazione Saremo Il Nuovo Giorno (S.I.N.G.) – Oratorio “volante” Don Bosco (www.oratoriosing.it) in memoria di un giovane oritano ucciso durante una rapina, è assegnato a personaggi e organizzazioni operanti nell’educazione, l’animazione, e la salvezza fisica e morale dei bambini, ragazzi e giovani. Il premio, sin dal 2010, ha ricevuto la medaglia del Presidente della Repubblica Italiana ed è patrocinato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dalla Presidenza della Regione Puglia, dalla Presidenza della Provincia di Brindisi, dal Comune di Oria e dal Movimento per l’Infanzia.

PREMIO Donato Carbone
Il premio, opera del maestro CARMELO CONTE

Dal Sito del cantante: A Vecchioni il premio DONATO CARBONE.
Roberto Vecchioni ha vinto il premio Donato Carbone 2012. Il riconoscimento viene assegnato in ambito nazionale da 20 anni ad Oria (Brindisi) da parte del locale Consiglio Pastorale Oratoriano, una struttura cattolica a cui fanno riferimento circa 400 giovani. Intitolato alla memoria di un ragazzo locale, assassinato durante una rapina, il premio viene conferito ad associazioni, cittadini o organizzazioni che operino significativamente per l’educazione e il sostegno dei giovani. Negli scorsi anni è stato consegnato tra gli altri a Don Antonio Mazzi, a Monsignor Giovanni D’Ercole, ad Antonio Guidi e a Maria Falcone. La cerimonia avrà luogo il 31 gennaio 2012 alle ore 18.30 presso il teatro Gassman di Oria (Brindisi) in occasione della festa di San Giovanni Bosco, patrono dei giovani, e sarà condotta dal giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno Vincenzo Sparviero. Vecchioni verrà premiato “per la grande lezione di umanità e l’impegno a favore degli ultimi dimostrati attraverso le tantissime iniziative benefiche cui ha prestato il volto e l’animo durante i molti anni di carriera artistica”.

UN PENTITO LECCESE CONFESSA CHIAMANDO IN CAUSA L’INTERO COMMANDO: svolta sull’omicidio di Donato Carbone!
Sono passati più di dodici anni. E quando la speranza di dare un nome e un volto agli assassini di Donato Carbone sembrava ormai definitivamente persa spunta un pentito – uno di quelli eccellenti – che si autoaccusa dello spietato omicidio chiamando in causa altri affiliati alla Sacra Corona. Donato Carbone, che aveva 25 anni, lavorava per una ditta che si occupa di fiori. Era l’8maggio il giorno in cui fu ucciso. Carbone era insieme al suo datore di lavoro Mimino Sagace e fu ammazzato durante una rapina. I due stavano rientrando ad Oria ma si trovavano ancora nel Leccese quando il commando di criminali assassini li bloccò chiedendo l’in – casso della giornata. A fare luce su questo e altri omicidi è stato Dario Toma, un tempo uomo forte del clan De Tommasi di Campi, ora collaboratore di giustizia. Agli inquirenti ha ricostruito le fasi di quella sanguinosa rapina. Il clan, in quel periodo, andava in cerca di soldi per finanziare le proprie attività. Era in atto una sanguinosa faida fra il gruppo di Toma e quello vicino alle famiglie Pellegrino-Presta. Il primo assalto fu messo a segno sulla Leverano-Porto Cesareo. Una Ford Fiesta nera raggiunse il «Daily» a bordo del quale c’erano Donato Carbone e il suo datore di lavoro Mimino Sagace. Accortosi dei malviventi, Carbone accelerò. Ma fu inutile. Dalla vettura venne esploso un colpo di arma da fuoco che raggiunge il giovane conducente al torace. Il furgone finì fuori strada. I malviventi, incuranti del ferito, aggredirono il commerciante e si fecero consegnare il denaro che aveva con sè: circa due milioni di lire. Donato Carbone morì in ospedale. Sagace riportò ferite gravi. Tre ore dopo, lo stesso commando – sempre secondo il pentito – fu protagonista di nuovo assalto uccidendo un altro lavoratore: Mario Giordano. Quella di Toma è una confessione. E lui di certo risponderà degli omicidi. Ora si tratta di capire se saranno trovati riscontri per i complici indicati. Il ricordo di Donato Carbone è ancora molto vivo ad Oria e non solo tra i suoi famigliari. Un gran bravo ragazzo, la cui esistenza fu stroncata da un banda di spietati criminali mentre era al lavoro. A lui, l’oratorio Sing ha dedicato un premio nazionale che ha registrato presenze importanti come Maria Borsellino, don Antonio Mazzi, Magdi Allam: solo per fare qualche nome. Il padre Benito e la madre, dopo l’omicidio, chiesero l’intervento del Presidente della Repubblica per cercare di far luce sull’omicidio. Da allora, però, ben poco è stato fatto sotto il profilo investigativo. Ora spunta un pentito che che si autoaccusa. La speranza è che venga seguita una pista per cercare di chiudere un cerchio che non riportera certo in vita il povero Donato ma servirà (forse) a credere ancora nella giustizia.

di Vincenzo Sparviero, La Gazzetta del Mezzogiorno, 18.9.2009